La vittoria di Orban in Ungheria, cresce il fronte conservatore

Viktor Orban ha ottenuto una netta vittoria alle elezioni politiche ungheresi, il suo partito Fidesz ha totalizzato il 54% di preferenze che corrispondono a ben 135 seggi parlamentari sui 199 disponibili. Questo ragguardevole risultato dimostra che la tematica sovranista e conservatrice non è di fatto affievolita come alcuni media mainstream e leader in salsa progressistaContinua a leggere “La vittoria di Orban in Ungheria, cresce il fronte conservatore”

Lo schiaffo ai perbenisti, Will Smith e il coraggio di un uomo che ama sua moglie

Uno schiaffo può dividere il mondo. E’ quello che è avvenuto questa notte a Los Angeles, pochi minuti prima che l’attore Will Smith vincesse il suo primo Oscar come miglior attore protagonista. L’interprete di “King Richard” (grande film sulla famiglia) non ha digerito una battuta infelice del conduttore, Chris Rock, rivolta alla moglie Jade Pinkett-Smith.Continua a leggere “Lo schiaffo ai perbenisti, Will Smith e il coraggio di un uomo che ama sua moglie”

Il flop di Draghi e il ruolo dell’opposizione

A distanza di dodici mesi dalla nascita, l’attuale governo Draghi sembra più in affanno che mai. Ieri il premier ha strigliato gli azionisti di maggioranza dopo la pessima figura in commissione bilancio e affari costituzionali alla Camera sul Dl Milleproroghe, dove l’esecutivo è andato sotto non una ma ben quattro volte. Una sorta di encomioContinua a leggere “Il flop di Draghi e il ruolo dell’opposizione”

La vecchia e oscura polemica sul berlusconismo, come uscirne

Il centrodestra esercita oggi un diritto maggioritario nel Paese. Si tratta infatti della forza che, sondaggi alla mano, ha la maggioranza dei consensi. E a ben vedere anche alla Camera se si viaggiasse uniti. L’operazione di demistificazione di Silvio Berlusconi a opera della sinistra è la solita smacchiatura del giaguaro a cui, strategicamente, la parteContinua a leggere “La vecchia e oscura polemica sul berlusconismo, come uscirne”

Il mio viaggio negli U.S.A. post-covid: tra contraddizioni e identità

Un viaggio negli Stati Uniti bisogna farlo prima o poi. Vorrei provare a raccontare il mio. Non un semplice viaggio di piacere o di svago. Un giornalista ha il dovere di raccontare sempre, anche quando è in vacanza. E quindi, questo mio viaggio, voglio condividerlo con voi. Un’occasione per riprendere a scrivere sul Conservatore dopoContinua a leggere “Il mio viaggio negli U.S.A. post-covid: tra contraddizioni e identità”

“Inginocchiarsi? Il mantra ossessivo della sinistra” Intervista a Hoara Borselli

La vediamo spesso citata nelle pagine di Matteo Salvini. Lei è Hoara Borselli, giornalista e conduttrice televisiva. Abbiamo discusso con lei di diverse tematiche “a caldo” come l’immigrazione e il futuro del centrodestra. Uno dei temi di cui si discute in questi giorni è la boutade sui giocatori azzurri a riguardo se inginocchiarsi o menoContinua a leggere ““Inginocchiarsi? Il mantra ossessivo della sinistra” Intervista a Hoara Borselli”

Il comparto agroalimentare, alcune proposte per risollevarlo

La crisi economica legata alla pandemia da covid ha lacerato diversi settori, uno su tutti il comparto agroalimentare. Tante le proposte per uscire dallo stallo. La Lega per tramite dei suoi deputati siciliani, in collaborazione con il dipartimento regionale agricoltura, guidato in Sicilia Orientale da Cosimo Giannetto, ha presentato alla Camera dei Deputati alcuni emendamentiContinua a leggere “Il comparto agroalimentare, alcune proposte per risollevarlo”

Mara Carfagna? E’ più preparata di Luigi Di Maio: quando i pregiudizi vengono da sinistra

Capita di assistere ai teatrini della propaganda radical chic che si sovrappone talvolta agli eco insostenibili del populismo italico secondo cui Mara Carfagna sarebbe la raccomandata di turno arrivata al potere. Eppure, il nuovo Ministro del governo Draghi ha più titoli di Di Maio – che resta Ministro degli Esteri nostro malgrado – e potrebbeContinua a leggere “Mara Carfagna? E’ più preparata di Luigi Di Maio: quando i pregiudizi vengono da sinistra”

Andrea Italiano | Guttuso: l’artista inghiottito dal vortice comunista

Qualche anno fa ho comprato, tramite un’asta su Ebay, un quadro, una natura morta, che il venditore mi spacciava come originale di Guttuso. Ingenuamente, o forse peggio che ingenuamente, l’ho comprato. E in effetti ciò che mi è arrivato per posta alla modica cifra di settantacinque euro, a dire delle foto -ma anche del quadroContinua a leggere “Andrea Italiano | Guttuso: l’artista inghiottito dal vortice comunista”

Governo Draghi tra pragmatismo e puristi: intervista a Nicola De Felice

Il centrodestra si divide sull’affaire governo Draghi. Vale più la linea purista dell’opposizione a oltranza di Giorgia Meloni o il pragmatismo strategico di Matteo Salvini che sembra aver aperto a Draghi? Ne abbiamo parlato con l’Ammiraglio Nicola De Felice, già alla guida della Marina Militare in Sicilia – oggi in pensione – e capo dipartimentoContinua a leggere “Governo Draghi tra pragmatismo e puristi: intervista a Nicola De Felice”