Tra voltagabbana e vincolo di mandato: la politica al bivio

Riporto integralmente l’art. 67 della Costituzione: “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”.

Si tratta di uno degli articoli più discussi e controversi della nostra Carta. Secondo molti si tratterebbe di un vero e proprio cavallo di Troia, un errore di sistema, una fragilità sistematica e sistemica in grado di minare la stabilità e la credibilità degli esecutivi. La politica sarebbe perennemente tenuta sotto ricatto dai suoi eletti, pronti a rinnegare partito e programma. Disertori, voltagabbana, traditori in cerca di un posto al sole, di vantaggi e poltrone più comode. La questione discussa è il famoso, o il famigerato, divieto di mandato imperativo. Ma siamo così sicuri che le narrazioni odierne rendano giustizia al punto in questione? Che il trasformismo e i travasi dei politicanti nostrani siano divenuti prassi comune, e trasversalmente diffusa, non lo si può di certo negare. Nella legislatura che si sta chiudendo, e nella campagna acquisti estiva, il salto della quaglia ha quasi assunto una dignità olimpica, dando prova di virtuosismi continui, prestazioni eclatanti, ma decisamente poco appassionanti. Non entriamo nel merito delle singole scelte, al popolo sovrano l’ardua sentenza. Il taglio dei parlamentari e la rocambolesca conclusione dell’esecutivo Draghi hanno sconquassato i piani di molti, sdoganando la paura più ancestrale, cioè il ritorno alla propria esistenza professionale.

L’articolo 67 va forse abolito? La Costituzione necessita di un aggiornamento? Non escludo che si possano migliorare o modificare alcuni passaggi della nostra Carta, seguendo l’iter previsto dalla legge, ma rifuggo l’idea, con convinzione e fermezza, che si debba bruciare il terreno buono per via di un cattivo raccolto. Una soluzione sensata sarebbe quella di dare prova di maturità politica, stringendo un accordo tra signori, tra galantuomini e/o gentildonne. Non permettere agli eletti di vestire una maglia differente da quella con cui hanno iniziato la legislatura o prevedere almeno un lustro prima di poterlo fare. Non candidare i transfughi a nessuna elezione politica o amministrativa. Chiudere porte e finestre, evitando di offrire rifugi sicuri o corridoi preferenziali a chi si è dimostrato poco affidabile. Ogni azione dovrebbe prevedere una reazione uguale e contraria, o perlomeno delle conseguenze visibili e tangibili tanto al singolo quanto all’opinione pubblica.

Le libertà di dissentire, di muovere critiche e di battersi all’interno dei partiti devono essere salvaguardate. Per questo, a mio avviso, il divieto di mandato imperativo non dovrebbe essere sacrificato. Semmai necessiterebbe di maggiori tutele e garanzie, riscoperto nel suo senso originario. Il problema è la riduzione dei parlamentari a peones, a pedine, incapaci di esercitare stimoli all’iniziativa legislativa. Privi di competenze specifiche, scelti unicamente per la loro docilità e sudditanza. Il parlamentare che abbandona il campo d’origine e quello che non si espone mai, eseguendo acriticamente le indicazioni dall’alto, sono figli dello stesso male.

Sono le liste bloccate l’autentico nodo che il pettine non potrà mai sciogliere. Il dirigismo, il clientelismo, la professionalizzazione del servizio politico: forme estenuate di un attaccamento al potere che si para drammaticamente davanti ai nostri occhi. Non incolpiamo la Costituzione di questo, ma i vizi costitutivi di una classe politica divenuta autoreferenziale, sterile e priva di ideali e valori.

Una opinione su "Tra voltagabbana e vincolo di mandato: la politica al bivio"

  1. Che poi con il taglio dei parlamentari la situazione è pure peggiorata. Meno posti non significa sempre migliore selezione. Temo che possano calare le probabilità che persone adeguate vengano elette.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: