Occasioni perse?

Che non sia l’ennesima occasione persa. Non basta augurarselo, bisogna, innanzitutto, volerlo e attivarsi in tal senso. Vincere non deve essere il fine: la politica è chiamata a convincere, prodigandosi con credibilità e verità, caricandosi sulle spalle i timori, le necessità e le speranze di milioni di cittadini. Basta con i tatticismi e con le diatribe strumentali. Spiegare i programmi con cura e precisione, rispondere nel merito, confrontarsi sui temi, evitando di trattare la controparte come il ricettacolo di ogni nefandezza storica: è giunto il tempo che i servitori della politica, i partiti per intenderci, si riconoscano quali debitori e custodi del Paese, non padroni di esso. Che si abbia il coraggio di abbracciare la progettualità dell’utopia, la concretezza del sogno, la lucida follia di chi nutre appetiti differenti: fame di cultura e valori, sete di servizio, desiderio di un cambiamento autentico. La legge morale dentro di me e la volta celeste che mi sovrasta, spazi finiti chiamati a dare spazio a esigenze altre: siamo segni di una volontà di bene che ci precede e ci guida, non venga dimenticato dai grandi di ogni epoca. Siamo minuscoli punti, ma attraversati da infinite rette, portatori di destini ancora tutti da scrivere, depositari di possibilità da forgiare nel vivo metallo.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: