Le atroci mutilazioni inferte alla nostra lingua

Prima venne il turno delle terre irridente. Le conducemmo a noi poco dopo la fine del primo massacro mondiale. Poi fu il turno delle lotte intestine, le quali giovarono agli attuali conduttori dei nostri destini. Una lotta asfissiante, micidiale nei modi e nei tempi. Essa ci attanaglia ancora oggi.

Infine – anche se certi abissi non finiscono mai –arrivò il turno della lingua. Vituperata, demolita quotidianamente tramite marchingegni che obbligano all’utilizzo degli anglismi; la nostra lingua rischia di essere erosa fino al punto di scomparire. Al giorno d’oggi, anche l’utilizzo della parola “eburneo” suscita clamore.

Da dove deriva la nuova sfida? Abbiamo ripreso le terre, abbiamo versato sangue per trovarci nuovamente sottomessi, non perdiamo anche l’unicità della nostra lingua. Il primo nemico viene da un luogo remoto e si mescola con la volontà degli “ultimi uomini” di trasformare ogni piacere edonistico in diritto. È lo “schwa”.

Il linguaggio è la facoltà princeps del cervello umano ma, sebbene chiunque parli una lingua, sono pochi coloro i quali dovrebbero parlare di lingua.

Oggigiorno la riflessione metalinguistica sembra essere diventata di gran moda, ma la linguistica è una disciplina scientifica e, in quanto tale, è ricalcitrante alle briglie del ‘politicamente corretto’.

Negli ultimi anni, lo schwa – la vocale centrale media che nell’alfabeto fonetico internazionale viene rappresentata con il simbolo /ə/ – è divenuto il totem al quale prostrarsi in nome dell’inclusività linguistica. I paladini della “e rovesciata”, però, forse ignorano – o fingono di ignorare – la differenza tra norma e sistema (Coseriu, 1952).

Il sistema comprende le unità funzionali e le regole di funzionamento nel codice linguistico; la norma, invece, è la convenzione condivisa all’interno di una comunità di parlanti e manifesta il sistema in atto.

Lo schwa appartiene all’inventario fonetico-fonologico di molti dialetti italiani, tuttavia non a quello dell’italiano standard. La comunità italofona non può accogliere l’uso dello schwa perché ciò che non è in potenza, certamente non può essere in atto.

Inoltre, se osserviamo quei dialetti – ad esempio il napoletano – che utilizzano lo schwa in finale di parola, notiamo che tale impiego non garantisce affatto la neutralità di genere: il processo della morfo-metafonia (Fanciullo, 1994) interviene nella distinzione tra maschile e femminile (russə= “rosso”; rossə = “rossa”).

Il mutamento linguistico, in modo imprevedibile e impredicibile, affiora nell’uso della lingua, ma si afferma e si impone a livello di norma se e solo se la comunità di parlanti lo recepisce spontaneamente in maniera positiva; diversamente, è condannato a rimanere relegato sulle tastiere e sulle labbra di quegli “ultimi uomini” che vorrebbero assoggettare persino la lingua ad un’ideologia vuota dai vessilli arcobalenici.

A cura di Marco Spada & Francesca Speziale

Pubblicato da Marco Spada

Specializzato in Scienze storiche presso l'Università degli Studi di Messina; vivo a Milazzo e mi occupo, nell’ambito della ricerca, del rexismo belga e della figura di Léon Degrelle. Vicedirettore del giornale online "Tirrenico News" dal 2019, fondatore del Think Tank politico “Il Conservatore”, conduttore di “Obbligo di frequenza” sulle frequenze di Radio Milazzo e curatore del progetto filosofico-politico Syllabus. Amo la nouvelle cuisine e ho due icone in casa: quelle di Mou e di Moratti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: