Silenzio nigeriano

Quando una chiesa cattolica in Africa diventa il triste sfondo di un attentato da parte di un commando islamico, state pur sereni che non vi sarà alcun risalto mediatico. La terribile strage è avvenuta ieri nella chiesa di San Francesco della città di Owo, nello stato di Ondo. Nessun quotidiano – ad esclusione del Corriere e del Giornale – ha messo in risalto la notizia. Ci si concentra sull’Africa soltanto quando gli interessi – quelli sui migranti in primis – devono essere soddisfatti. Ma quando una comunità cristiana viene colpita così barbaramente il silenzio sembra essere quasi d’obbligo.

L’assenza di compassione e l’indifferenza da parte dell’Occidente – non scrivo Europa perché le direttive per la stampa, si sa, arrivano dall’altra parte dell’Atlantico – sono la cartina di tornasole dell’erosione dei nostri principi. Com’è misterioso il male che si abbatte feroce su persone inermi che pregano per la Pentecoste, altrettanto arcano è il motivo per cui si scatena il fenomeno del mutismo selettivo nel mondo della stampa.

Durante gli ultimi tre anni siamo stati oberati da migliaia di immagini tragiche per costruire un nuovo paradigma di controllo societario. Abbiamo conosciuto gli interni di tutti gli ospedali, camminato per le strade di Bucha e siamo pure finiti nel bel mezzo delle celebrazioni degli Alpini (Viva loro!). Ma della strage in Nigeria sembra quasi che sia inutile parlarne. Nessuno, tra nani e ballerine, si è degnato di vomitare qualcosa sulle sue pagine. Marionette di un orrido teatrino.

Difendere i valori cristiani è diventata ormai una mossa utopica, anacronistica. Nessuno ha più il coraggio e l’ardore di lottare per i nostri principi. Il Crocifisso, simbolo di amore, è divenuto un simbolo di oppressione per i depensanti. Ecco come muore una civiltà. Dimenticando sé stessa sotto i colpi della mercificazione.

Pubblicato da Marco Spada

Specializzato in Scienze storiche presso l'Università degli Studi di Messina; vivo a Milazzo e mi occupo, nell’ambito della ricerca, del rexismo belga e della figura di Léon Degrelle. Vicedirettore del giornale online "Tirrenico News" dal 2019, fondatore del Think Tank politico “Il Conservatore”, conduttore di “Obbligo di frequenza” sulle frequenze di Radio Milazzo e curatore del progetto filosofico-politico Syllabus. Amo la nouvelle cuisine e ho due icone in casa: quelle di Mou e di Moratti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: