Putin l’imperialista, non il sovietico

Da ormai due decenni il volgo utilizza la parola “imperialismo” per descrivere le azioni militari e politiche statunitensi in tutto il globo terraqueo. Il termine è corretto visti i precedenti storici: Panama, Iraq, Jugoslavia, Siria, Libano e Libia. In questo grande calderone di stati ve ne sono alcuni che erano legati – o lo sono ancora – con la Russia di Putin.

All’interno di essi gli USA hanno provato ad utilizzare qualsiasi metodo pur di conquistarli: dalle “guerre umanitarie per la democrazia” alle “rivoluzioni colorateeterodirette da imprenditori e filantropi dalla dubbia natura umana. Il discorso fatto da Putin ieri sancisce il primo fermo a queste manovre imperialiste a stelle e strisce. Dopo la firma sul trattato del Donbass, il leader del Cremlino ha ufficialmente ristabilito quel duopolio – o sarebbe meglio definirlo tripolio per la presenza del regime cinese – originatosi nel secondo dopoguerra.

Per rispondere alla concezione imperialista di Putin, l’Occidente – dunque l’insieme atlantista – ha deciso che saranno applicate delle sanzioni, anche in questo caso inique, alle quali Putin risponderà con l’indifferenza. È l’ipocrisia della Casa Bianca, sepolcro imbiancato e nemico dell’Europa, che dovrebbe risvegliare dall’ignavia tutti quei paesi situati tra i due poli che si sono fatti ammorbare dall’onda di edonismo americano e che li ha trasformati in automi che consumano e ingurgitano fino all’ultimo istante prima della morte.

L’occidentalismo, che non è europeismo, non riesce a tollerare la presenza del diverso da esso. Cerca di dirimere le questioni attraverso la “guerra economica“, dunque rifacendosi al suo animo economico-consumistico che ho testé citato. Gli USA stanno provando ad evitare la saldatura geopolitica tra Russia ed Europa poiché temono lo schiudersi dello scrigno depositario delle istanze della Terza Roma, dunque di una visione imperiale antiliberale opposta a quella americana.

È l’eterno conflitto tra le potenze marittime e terrestri, il perenne duello tra il commercio e il lavoro dell’operaio di Jünger. Ecco perché non è possibile definire Putin come “il sovietico”, ma come “l’imperialista”. Sia per la concezione territoriale della Russia del leader del Cremlino, la quale è profondamente diversa da ciò che i suoi avi sovietici hanno lasciato, sia per la sua volontà di annettere al Grande Orso due repubbliche russofone, tralasciando dunque l’elemento prettamente politico per dare spazio alla componente della Tradizione. E il discorso di ieri ne è l’esempio.

Per la stesura di questo articolo ringrazio la lezione del mio maestro “indiretto” Maurizio Murelli.

Pubblicato da Marco Spada

Specializzato in Scienze storiche presso l'Università degli Studi di Messina; vivo a Milazzo e mi occupo, nell’ambito della ricerca, del rexismo belga e della figura di Léon Degrelle. Vicedirettore del giornale online "Tirrenico News" dal 2019, fondatore del Think Tank politico “Il Conservatore”, conduttore di “Obbligo di frequenza” sulle frequenze di Radio Milazzo e curatore del progetto filosofico-politico Syllabus. Amo la nouvelle cuisine e ho due icone in casa: quelle di Mou e di Moratti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: