“Metamorfosi politica”: il libro del Prof. Salvatore Di Bartolo ci racconta le sfide della XVIII legislatura

Non è affatto un evento casuale la pubblicazione odierna dell’ultima opera letteraria del Prof. Salvatore Di Bartolo. “Metamorfosi politica” ci racconta le sfide della XVIII legislatura, tra gli innamorati di ferro della poltrona e e i Don Giovanni sparsi tra i partiti. Eppure la freccia di Cupido, simbolo ormai noto a tutti i festeggiati di questa giornata, ha centrato l’obbiettivo più importante: la rielezione di Mattarella. Il dardo ha colpito il cuore di tutti i presenti nella copertina del libro, ad esclusione di Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia non ama le smancerie, né le tresche. Altrimenti non sarebbe una donna della Tradizione.

I temi principali sui quali ha dibattuto e scritto il Prof. Di Bartolo sono quattro: istruzione, fisco, lavoro giustizia. Su di essi vi è la spada di Damocle – o il tocco angelico, dipende dai punti di vista – dell’Unione Europea e del PNRR. Quest’ultimo rappresenta un argomento molto caro all’autore, visti i suoi studi, ma soprattutto, come scrive lui stesso: “per consegnare alle future generazioni un Paese più moderno e competitivo all’interno di una Europa più solida e solidale“. Altresì è sulla solidità che insiste Di Bartolo, la quale va a pari passo – come una coppia di amanti – con la certezza risolutiva nel compiere determinate azioni politiche.

Certamente essa è mancata, in particolar modo, in occasione delle “quirinalizie” e in materia di lotta alla pandemia. Alle analisi del professore troverete anche due scritti d’eccezione: la prefazione di Stefania Craxi e un intervento dell’Avv. Angelo Lucarella. “Metamorfosi politica” è la lettura che tutti gli amanti della politica stavano aspettando.

Pubblicato da Marco Spada

Specializzato in Scienze storiche presso l'Università degli Studi di Messina; vivo a Milazzo e mi occupo, nell’ambito della ricerca, del rexismo belga e della figura di Léon Degrelle. Vicedirettore del giornale online "Tirrenico News" dal 2019, fondatore del Think Tank politico “Il Conservatore”, conduttore di “Obbligo di frequenza” sulle frequenze di Radio Milazzo e curatore del progetto filosofico-politico Syllabus. Amo la nouvelle cuisine e ho due icone in casa: quelle di Mou e di Moratti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: