Li abbiamo fatti neri!

Se in quel 13 novembre del 2017 mi avessero detto che avremmo vinto l’Europeo davanti a sessantamila inglesi in assetto da guerra, avrei sicuramente mandato a quel paese il santone di turno. Invece è tutto vero. Quattro anni dopo la devastante umiliazione milanese, la Nazionale è tornata a dimostrare il suo valore battendo avversarie blasonate come Spagna, Inghilterra e Belgio.

Il gruppo di Mancini ha unito una nazione divisa da un conflitto orizzontale imperante. Per qualche notte abbiamo rivissuto un sentimento così forte che quasi non ci sembrava vero. Abbiamo esultato tutti insieme, abbiamo urlato di gioia e sommessamente scosso il capo al gol dell’Inghilterra al secondo minuto del primo tempo. L’unione ritrovata deve essere il combustibile per restituire l’Italia al suo popolo.

D’altronde la Nazionale è l’istituzione più popolare del nostro Paese. In essa vi sono ragazzi provenienti da differenti estrazioni sociali e da tutto lo Stivale. Sono qui insite le differenze che arricchiscono un gruppo e lo rendono invincibile, alla faccia dei vari Severgnini, Travaglio, Marchisio ecc. . Difatti alcuni di questi giornalisti o pseudo-giornalai si sono resi protagonisti di un autorazzismo senza precedenti.

Prima Severgnini – alla français – ha sottolineato la fondamentale presenza di giocatori neri all’interno della squadra della Regina. Stamane ha per caso scritto nel suo editoriale che proprio questi giocatori hanno sbagliato i rigori decisivi? Dopodiché è venuto il turno di Travaglio con la sua retorica ormai fuori controllo, piena di sé e maledettamente orientata a favore di Conte.

FORZA BELGIO (E ABBASSO ITALIA)

Non posso tifare Italia. Non oso immaginare cosa succederebbe se vincesse gli Europei. Draghi si approprierebbe della vittoria come fecero nel 1982 il presidente Pertini e Spatolini …

Marco Travaglio – Pagina Facebook ufficiale

La parata di Gigio Donnarumma che ci ha permesso di vincere l’Europeo vale mille volte di più dopo aver letto queste parole di un anti-italiano. Infine c’è Marchisio, l’ex centrocampista progressista famoso per il suo continuo bacchettare in favore dei terroristi del BLM. Non bastavano gli opinionisti d’Oltralpe ad andarci contro, sportivamente parlando.

Dulcis in fundo i facinorosi albionici. Basti pensare all’umiliazione riservata alla nostra bandiera tra le strade di Londra. O ai fischi durante il nostro inno o alla mancata accettazione di un secondo posto meritato.

La City brucia di nuovo sotto i colpi degli Azzurri. Li abbiamo fatti tutti neri. Ai vari autorazzisti e anti-italiani ci vorrebbe un vero e proprio risciacquo della bocca alla Bonucci. Campioni d’Europa!

Pubblicato da Marco Spada

Dottore in Lettere (curr. Storico) e specializzando in "Scienze storiche" presso l'Università degli Studi di Messina; vivo a Milazzo e mi occupo, nell’ambito della ricerca, della correlazione tra società e dittature novecentesche. Caporedattore del giornale online "Tirrenico News" dal 2019 e collaboratore giornalista del mensile "Cultura Identità". Tradizionalista di stampo evoliano, interista di stampo morattiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: