Palestinesi sfrattati, palestinesi colpevoli

Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono“. Questa frase ultimamente riecheggia nel panottico Facebook nel tentativo da parte degli utenti di risvegliare le coscienze della massa. Il suo autore? Uno dei più grandi leader di una minoranza ormai diluitasi nella variopinta società americana: Malcolm X.

Da qualche giorno tutti i media nazionali sono impegnati in un processo di totale genuflessione – non di certo il primo, soprattutto in questi ultimi due anni – nei confronti dello strapotere israeliano. La narrazione è simile a quella di un western pre 1968 in cui gli indiani amerindi venivano descritti come i peggiori criminali della storia. In realtà la situazione, com’è possibile vedere in “Corvo rosso non avrai il mio scalpo!” del 1972, non era esattamente quella descritta dalla cinematografia americana.

Un tempo l’aumento della tensione a Gerusalemme e a Gaza avrebbe causato una mobilitazione diplomatica atta a rilanciare il processo di pace israelo-palestinese. Stavolta non è successo. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha faticato il 10 maggio a rilasciare una dichiarazione comune, alla fine praticamente inutile come tante altre. A Gerusalemme gli scontri continuano e la violenza è arrivata fino all’interno della moschea Al Aqsa, la quale ha iniziato a bruciare e il rogo è stato accolto con canti e balli da parte degli ebrei israeliani.

Il mondo intero resta ad osservare i trattamenti criminali degli israeliani nei confronti di un popolo invaso e sfrattato dalle sue terre. Israele è forte, fortissimo. Gode di un potere ineguagliabile nei confronti del mondo. Tutte le potenze occidentali sono vicendevolmente colpevoli poiché alleate di un illegittimo stato criminale. I palestinesi sono deboli, troppo deboli. Sfrattati dalle loro case a Gerusalemme Est, poi bombardati da una delle aviazioni più potenti del mondo.

Imparate a fare il bene; cercate la giustizia, rialzate l’oppresso, fate ragione all’orfano, difendete la causa della vedova.

Isaia, capitolo 1, versetto 17

Cito questo passo biblico per dirigermi verso la conclusione di questa riflessione. Non vi è uno scontro effettivo poiché non vi è paragone tra le forze in campo. Si sta cancellando l’identità culturale palestinese con la compiacenza anche di quei paesi arabi come l’Egitto, la Giordania e l’Arabia Saudita.

Ebrei come Gideon Levy, Amira Hass e Avraham Burg raccontano da anni i crimini del cattivo e sadico Benjamin Netanyahu nei confronti dei palestinesi. I governi di USA e UE peccano di ipocrisia perché accettano il ricatto degli ebrei sulla Shoah. Tutti noi conosciamo cosa è stata la Shoah, dunque come si può difendere la politica israeliana nei confronti dei palestinesi? La Cina se ne lava le mani e la Siria, uno dei pochissimi nemici storici, sarà fuori gioco per 50 anni. L’Iran non può neanche alzare un dito che Israele gliela fa pagare ai palestinesi.

In “Temporary People“, l’autore Unnikrishnan Deepak affronta l’arduo tema dei diritti sociali dei lavoratori migranti negli Emirati Arabi. Indovinate cosa viene riconosciuto ad essi? Assolutamente nulla, praticamente al pari di quei 1.8 milioni di palestinesi che vivono nello stato di Israele. La politica di apartheid nei loro confronti non è troppo diversa da quella praticata in Sudafrica. Ma il criminale resta il palestinese.

Pubblicato da Marco Spada

Specializzato in Scienze storiche presso l'Università degli Studi di Messina; vivo a Milazzo e mi occupo, nell’ambito della ricerca, del rexismo belga e della figura di Léon Degrelle. Vicedirettore del giornale online "Tirrenico News" dal 2019, fondatore del Think Tank politico “Il Conservatore”, conduttore di “Obbligo di frequenza” sulle frequenze di Radio Milazzo e curatore del progetto filosofico-politico Syllabus. Amo la nouvelle cuisine e ho due icone in casa: quelle di Mou e di Moratti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: