Massimo Galli: “Bisogna costringere il personale sanitario a vaccinarsi”

Mentre in Italia imperversa una crisi economica senza precedenti nella storia repubblicana, con una vera e propria bomba sociale destinata ad esplodere non appena verrà meno il blocco dei licenziamenti, scadenza attualmente fissata per il prossimo 30 giugno, c’è chi, come Massimo Galli, usa l’abnorme spazio concessogli in svariate trasmissioni televisive per invocare ulteriori licenziamenti.


Destinatario del duro attacco del primario dell’ospedale Sacco di Milano, è questa volta il personale sanitario non disposto a vaccinarsi: “Trovo che chi fa un certo mestiere abbia l’obbligo etico di tutelare i propri pazienti” – afferma Galli – “siccome nessuno obbligato a fare un determinato mestiere o accetta gli obblighi etici altrimenti cambi pure mestiere. Bisogna essere drastici su questo punto: il vaccino per gli operatori sanitari deve essere obbligatorio senza se e senza ma. O convinci o costringi”, questo il motto di Galli. 
Un Galli dunque molto fermo sulle sue posizioni, tanto da arrivare a teorizzare perfino la sospensione, o addirittura il licenziamento, per chi, pur essendo a contatto con i malati, rifiuta il vaccino. 

DI BARTOLO SALVATORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: