Da Galli a Ricciardi, scricchiola l’impero dei virologi

I pazienti positivi alla variante inglese all’ospedale Sacco di Milano sono attualmente 6 su un totale di 50 casi. Le affermazioni circolate nelle scorse ore al momento attuale non rappresentano la reale situazione epidemiologica all’interno del presidio”. A precisarlo è l’Asst Fatebenefratelli Sacco dopo che nei giorni scorsi si era diffusamente parlato di reparti pieni di varianti del virus. 

La precisazione è arrivata all’indomani dell’allarme lanciato tramite alcune emittenti televisive nazionali direttamente dal primario dell’ospedale Sacco di Milano Massimo Galli, che nelle scorse ore aveva affermato: “Siamo tutti d’accordo che vorremmo riaprire tutto quello che si può aprire. Però oggi io mi ritrovo ad avere il reparto invaso da nuove varianti, e questo fa facilmente prevedere che a breve avremo problemi molto seri”
Il primario del Sacco è stato dunque sconfessato dalla stessa struttura che dirige dalla quale viene peraltro precisato che “la situazione è completamente sotto controllo, anzi addirittura inferiore alla media regionale”. 

Le allarmanti dichiarazioni di Galli erano arrivate appena poche ore dopo quelle di un altro noto scienziato, il professor Walter Ricciardi, consulente del Ministro della Salute Roberto Speranza, che, sempre nel corso di una trasmissione televisiva, si era lasciato andare parlando della necessità di un lockdown totale in tutta Italia per un periodo compreso tra le 2 alle 4 settimane, salvo poi essere travolto dalle critiche e sconfessato a sua volta da altri importanti membri del Comitato Tecnico Scientifico, tanto da arrivare a minacciare perfino le dimissioni da consulente del ministro Speranza. 

Ore difficili dunque per gli ormai celeberrimi virologi che, dopo un anno vissuto costantemente sotto i riflettori, con una presenza televisiva che supera di gran lunga anche quella dei principali leader politici e dichiarazioni perennemente contrastanti che spesso e volentieri non hanno fatto altro che contribuire ad acuire i timori dei cittadini, si trovano, probabilmente per la prima volta, ad essere pesantemente messi in discussione. 
L’avvento dell’era Draghi segnerà la fine della virolocrazia? 

DI BARTOLO SALVATORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: